IMPORTANTE: giocattolivecchi.com non è responsabile per il contenuto dei messaggi presenti nei forum e degli annunci presenti sul mercatino. I messaggi dei forum rappresentano l'espressione del pensiero degli autori ed il mercatino è uno spazio offerto ai privati che possono vendere il loro vecchi giocattoli.

FORUM NEWS/Recensioni

 Blockman Takara, quando i Lego incontrano i Diaclone

 |  Lista discussioni  | 
26/03/2015 19:34:54
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum

Ciao a tutti, qualche giorno fa, il minore dei fratelli "Liprandi" ha fatto quello che gli riesce meglio; sibillare come un serpente alle mie fragili orecchie parole di lussuria e perdizione: "Ho sssscoperto una sssserie che di ssssicuro ti piaceeee, i Blockman della Takaraaaaa , prendili, prendili, prendiliiii...ssssss".
Ora, siccome ho la stessa forza di volontà di Paperon De Paperoni davanti ad una pentola d`oro, ho ceduto alle lusinghe di quel demonio maledetto e ho inziato ad indagare e....ho scoperto un mondo fantastico!


LA STORIA

Boh, il primo indizio che mi fa supporre che questa serie non abbia avuto successo è il fatto che nel web ci siano pochissimi e molto brevi riferimenti, del tipo: "Hey, ve li ricordate i Blockman?"
"No", "Ah...chi ha visto la partita ieri sera?...".
Insomma nel lontano 1984 la Takara produsse questa linea con circa dozzina di esemplari e poi basta.
In Europa e negli States sono stati importati dalla Revell che all`epoca era francese.


COSA SONO I BLOCKMAN O ROBOLINKS CHE DIR SI VOGLIA?

Avete presente i Lego? Bene, immaginate che al posto dei mattoncini ci siano dei robottini che si incastrano tra loro. Avete presente i Diaclone o i Transformers? Bene immaginate dei lego che uniti alla fine abbiano le sembianze dei robot sopracitati.
La serie venne prodotta dalla Takara nel 1984 e in Europa e Stati Uniti venne importata dalla Revell col nome di Robolinks negli States e Robotech Changers in Europa.
Secondo indizio dello scarso successo è che ne vennero prodotti solo pochissimi esemplari. D`altro canto è comprensibile, all`epoca erano appena "arrivati" i Transformers e non c`era molto spazio per altre serie robotiche, sopratutto se non erano supportate da un cartone animato.
In tutto, gli esemplari (compresi quelli esclusivi per i mercati Europeo e Statunitense) saranno una ventina. La maggior parte dei modelli sono gli stessi per tutti, ma alcuni, come ho detto, sono esclusivi per i diversi mercati continentali.


NON SO RESISTERE ALLE TENTAZIONI...

Preso dall`eccitazione, mi sono preso il primo Robolink che mi è capitato a tiro che fosse completo...e una volta tanto ho avuto fortuna...
Difatti, senza rendermene conto, ho acquistato uno dei due giftset principali, ovvero, è come se mi fossi preso un Devastator. Difatti, i robolinks non sono semplicemente dei robottini a se stanti, ma si possono ulteriormente unire per creare robot ancora più grandi e complessi.
Quello che vi presenterò qua è il D10 (mazza che fantasia eh...), ovvero l`unione tra il D1, D2 e D3.
Per il momento ho solo questo ma è più che sufficiente per presentare tutta la linea.


LA QUALITA`

E` Takara: dopo 30 anni la plastica regge sforzi di ogni tipo e il giocattolo sembra essere uscito dalla fabbrica l`altro ieri. Ad una prima occhiata, vedendo i pezzetti negli sprue come fossero dei model kit, si può pensare erroneamente a qualcosa di leggero e non troppo resistente, ma non è così. Il busto dei robottini é di metallo e la plastica è di quella tosta.


MI PIACCIONO LE SORPRESE

All`età di 40 anni è difficile sorprendersi per qualcosa eppure mi è successo. Guardando l`immagine nella scatola l`idea che mi ero fatto era di un robottone molto brutto ma complesso e quindi sufficiente a farmi un`idea di come fossero i Robolink. Appena aperta la confezione però, mi sono subito reso conto che la questione é ben diversa e decisamente più interessante di come viene presentata.
La prima cosa che ho notato e che non traspare dall`immagine in copertina e neanche dalle istruzioni sul retro, è che ogni carlinga (ce ne sono 3) ha una testa retrattile.; quindi tre robot diversi! Non solo, la carlinga "principale" ha due teste, quella piccina e quella più grossa...e li ho capito! Questi tre si uniscono per farne uno grosso: WOW! E non solo, il risultato finale non è quell`obrobrio della scatola ma un robot del tutto simile allo stile Diaclone. Facendo poi l`inventario dei vari pezzi ho avuto conferma del fatto di avere a disposizione ben tre robolink elementari che uniti fanno uno maggiore.
Ma i Robolink non sono solo robot, ma anche mezzi di trasporto di tutti i tipi: navicelle, carri armati, elicotteri ecc. e come per i Diaclone, hanno i piloti, purtroppo però, non sono snodati e carini come i dianauti.
26/03/2015 19:39:01
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum

AI FRANCESI PIACE L`ARTE ASTRATTA

Guardate le immagini su queste due confezioni....

26/03/2015 19:39:56
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum

Notate delle differenze tra i robot delle due scatole vero? Certo, ma quello a sinistra è la versione Europea di quello a destra che è l`originale Takara....Ovvero è la stesso identico giftset! Solo che alla Revell evidentemente piace l`arte astratta e quindi sono riusciti a creare quella....roba.....mentre i giapponesi avevano in testa qualcosa di più convenzionale ma decisamente più vendibile...
26/03/2015 19:40:21
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum

COME FUNZIONANO?

Come i Lego. Al posto dei mattoncini ci sono i robottini dotati di fori e perni per incastrarsi tra loro in vari modi. Sono fatti di metallo nel busto e plastica negli arti. Poi ci sono i pezzi complementari: pugni, lanciamissili, ruote, cingoli, trivelle, eliche, ali ecc ecc. Ci sono pure due pistole per i robottini "mattoncino". Il fatto che i robot-mattone abbiano le gambe e le braccia snodate, è fondamentale perchè permette di aumentare ulteriormente le possibili combinazioni.
Come per i Lego, i pezzi sono universali, ovvero, si possono mischiare e incastrare tranquillamente con quelli di altri modelli. Grazie a questa intercambiabilità, è possibile sbizzarirsi con innumerevoli mezzi o robot (anche dalla forma non convenzionale) unici e personalizzati. Nelle foto che ho messo a corredo noterete questo aspetto.
26/03/2015 19:44:37
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum

LA FANTASIA GALOPPA

Le prime "composizioni" le ho copiate dalle foto in giro, ma andando avanti e prendendo confidenza con gli oggetti, la mia mente ha iniziato ad elaborare mezzi inventati di sana pianta...

26/03/2015 19:51:17
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum

I TRANSFORMERS FAI DA TE

Con un po di ingegno si possono creare dei veri e propri transformers, cioè mezzi che diventano robot e viceversa, senza staccare e riattaccare pezzi.
26/03/2015 19:56:11
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum


QUINDI?

Una volta tanto mi sono buttato alla cieca, spinto dalla passione, dalla curiosità e dalle insidie di Liprandi e ho avuto fortuna. I Robolinks sono VERI giocattoli a tutti gli effetti, sfiziosi e stimolanti. Di solito compro un oeggetto lo paciocco per un paio d`ore al massimo e poi lo archivio in vetrina; il Robolink l`ho tirato fuori dalla scatola e l`ho montato, smontato e rimontato, provando e riprovando varie combinazioni, un po` copiate dalle foto prese dalla rete e un po` inventate di sana pianta. Insomma....me lo sono goduto e questa volta sono davvero tornato indietro di 30 anni.

26/03/2015 20:43:08
Avatar
liprandi (dal 29/10/08)
voti annunci collezione forum

Be`, a parte che ho contribuito a farti bruciare un altro pezzo di stipendio, sono sempre contento quando qualcuno GIOCA con i giocattoli. Sembrano la fusione di Lego e Diaclone, e mi ricordano altre serie come i vecchi Robotix o i nuovi Tenkai Knights (che però non sono all`altezza).
Adesso aspetta che ti faccia vedere il castello Playmobil, accompagnato da una birra...
26/03/2015 22:27:12
Avatar
Iron Knight (dal 23/02/06)
voti annunci collezione forum

questa serie la conoscevo già da qualche anno e qualche pezzo è anche stato venduto qui su GV ma mai c`è stata una recensione così dettagliata
27/03/2015 09:05:10
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum

@liprandi sei satana e io non ti ascolto e comunque con la birra, al massimo ci accompagno uno stinco, i castelli non li digerisco più tanto come una volta

@iron knight Grazie, ad essere precisi, mentre i Blockman non li avevo mai sentiti nominare, i Robolinks si, ma non mi sono preso la briga di ricordare dove e quando. Sicuramente su GV avrò visto qualcosa di sfuggita ma non ho approfondito.

Magari sta sera metto un`altra foto col Robolink insieme ai Diaclone, direi che ci sta tutta!
28/03/2015 09:50:22
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum

Eccola, chi è l`intruso?
15/03/2016 21:50:20
Avatar
Gojira54 (dal 16/02/09)
voti annunci collezione forum

Recensione ganzissima e appassionata. Ne avevo anche io da piccolo e qualche pezzo sparso è sopravvissuto. Giocattoli esagerati!!
Esteticamente e concettualmente superiori a tanti combiner moderni.
Hai notato differenze di colorazione fra i Blockman europei e quelli nipponici?
16/03/2016 19:21:15
Avatar
CarboToys (dal 04/03/14)
voti annunci collezione forum

proprio belli cacchio !!! un mi piace non te lo leva nessuno !!
20/03/2016 14:43:38
Avatar
Mastermold (dal 03/08/05)
voti annunci collezione forum

una decina di anni fa, bandai creò "mugenbine", con un robottino centrale "Mugen-roid" e tanti pezzi per creare varie configs. Li ho sempre considerato i successori dei Blok-men (che conoscevo da diversi anni), successori non all`altezza... ovviamente
20/03/2016 15:18:56
Avatar
ConteDDracula (dal 23/01/04)
MODERATORE

voti annunci collezione forum

Mugenbine... offre parecchi punti di contatto. Metroplex... e Diaclone il grande...
20/03/2016 21:12:37
Avatar
shop (dal 06/10/11)
voti annunci collezione forum

bellissimi! non li conoscevo nemmeno io
10/05/2016 13:33:53
Avatar
gmatta (dal 27/04/11)
voti annunci collezione forum

Ciao a tutti, scusate se ci metto due mesi a rispondervi ma purtroppo non riesco a dedicare tutta l`attenzione che vorrei al mio hobby preferito.
I Mugenbine li ho scoperti quando ormai sono spariti dalla circolazione (dicesi negozi online o toy center vari) e quindi ciccia, però sembrano davvero belli. Ma credo che ne siano uscite altre di serie simili tipo i Megahouse Bakushin, ma anche questi li ho scoperti troppo tardi, ogni tanto salta fuori qualcosa in Giappone.

30/01/2021 10:02:00
Avatar
ACHILLE81 (dal 11/10/12)
voti annunci collezione forum

Mi son imbattuto in questa vecchia discussione per caso...POST FIGHISSIMO e bella recensione...e adesso potrei stupirti con una info interessante: verso la metà degli anni 80, ho avuto la fortuna di possedere uno di questi gioiellini...un set piccolo, robot singolo giallo con torace in metallo, reattore e trivella rossa, cingoli neri, vetrino cabina blu...mi lare ci fossero altri accessori, ma non ricordo quali, son passati 35 anni...E allora, ti dirò che questo piccolo set non veniva da un negozio di giocattoli, ma dalla latteria sotto casa, in omaggio con le merendine MR.Day della Parmalat...ho ricercato per anni info a riguardo, ma mai niente...e per altrettanti anni, ho cercato di ritrovare questi robot da inserire nella mia collezione, ma niente, sono solo oltre mare, su siti dove i cavernicoli come me non san comprare...






Ultimi annunci inseriti su annuncivintage.com


-